Make your own free website on Tripod.com

______ Pychopathia Sexualis: brevi racconti a fumetti che introducono il lettore a un mondo violento, degradato, raccapricciante. L'autore, lo spagnolo Miguel Àngel Martìn, afferma di ispirarsi a fatti di cronaca, a una realtà che i mezzi di informazione portano alla luce tutti i giorni e che probabilmente oramai non supera di molto l'immaginazione del pubblico adulto cui l'album è destinato.

Ma in Psychopathia Sexualis c'è qualcosa di inquietante, al di là di ogni violenza esibita: nel suo particolare linguaggio visivo e narrativo Martìn evita ogni presa di posizione riguardo al "male" che racconta, non suggerisce nessun giudizio morale sui protagonisti dei suoi episodi. Il lettore viene lasciato libero di trarre le sue proprie conclusioni, guardandosi dentro senza pregiudizi e mettendo eventualmente in discussione la rassicurante convinzione di poter tracciare una linea netta e assoluta tra il piacere e il dolore, tra il bene e il male.

Per qualcuno queste storie sono da censurare. Bisogna evitarne la diffusione perché il male che descrivono è visto come un virus, e l'autore evita di garantire qualsiasi protezione. Lo scandalo suscitato a suo tempo dai racconti di De Sade tocca ora all'album a fumetti di Martìn, considerato un pericoloso mezzo di contagio: il suo editore in Italia sta rischiando una condanna che può portarlo in carcere per tre anni.

Per altri il meccanismo è inverso: il consumo di queste storie violente in forma di fumetto, ovvero di prodotto artistico, porta un effetto catartico e liberatorio, di cui la società ha estremamente bisogno, così come l'individuo ha bisogno di un mondo onirico in cui sublimare le proprie pulsioni aggressive. In Spagna l'esposizione delle tavole originali di Psychopathia Sexualis ha ottenuto il patrocinio del Ministero della Cultura spagnolo, del Comune di Barcellona e del quotidiano El Paìs.

______ Lo scopo di questo sito dedicato a Pychopathia Sexualis è di far riflettere, magari di animare una discussione. Non solo sulla violenza e sulla presunta crisi della società, ma anche sulla libertà di espressione, in questo particolare momento storico in cui l'informazione e quindi le opinioni sembrano avere finalmente trovato lo spazio immateriale che spetta loro, e quindi il necessario grado di "inafferrabilità" per potersi diffondere davvero liberamente.

______ Qui di seguito sono disponibili alcuni dei testi pubblicati nel corso dei due anni in cui la vicenda dell'edizione italiana di Psychopathia Sexualis si è sviluppata.

__________

Il Caso Psycho Pathia di Michele Ginevra, tratto da Schizzo

Uno scandalo a fumetti dalla Spagna con orrore di Guido Tiberga, tratto da La Stampa, 13/02/96

Gli abissi ripugnanti disegnati da Martìn di Thomas Martinelli, tratto da Il Manifesto, 8/8/95

Prefazione all'edizione italiana di Massimo Galletti

Psycho Pathia Sexualis: libertà espressiva o apologia di reato? Comunicato stampa di Topolin Edizioni

 

 

Al comunicato stampa in cui le Edizioni Topolin lanciavano un appello per la libertà di stampa, hanno fatto seguito alcune risposte solidali. Ecco due lettere.

Milo Manara

Oliviero Toscani

 

 

 

Il Centro sociale milanese Adrenaline ha ospitato nel maggio '96 nella sua sede di Via Gorizia la mostra delle tavole originali di Psychopathia Sexualis. All'uscita, i visitatori lasciavano i loro commenti su un quaderno appositamente predisposto.